domenica 10 marzo 2013

Non-umani in Bretonnia - Parte seconda, i nani e i mezzuomini


Nani a Bretonnia
Nani delle Montagne Grigie
Sulle Montagne Grigie è presente una numerosa popolazione nanica. Considerano il loro regno indipendente sia da Bretonnia che dall'Impero. La roccaforte maggiore è Karak Norn e ci sono anche una o due roccaforti minori nel sud delle Montagne Grigie.

 
Nani bretoniani
Di solito i nani bretoniani non sono eroi, piuttosto gente calcolatrice con una passione spropositata per il denaro. Alcuni di loro sono assai scaltri, infidi e piuttosto maligni, ma la maggior parte non sono così e sono persone rispettabili... se non ti aspetti molto da loro.
I nani bretoniani non godono di una buona reputazione tra gli altri nani.  Senza dubbio non ci sono roccaforti naniche rimaste in piedi a ovest deille Montagne Grigie e perciò questi nani sono sovente considerati poco più che barboni. Alcuni provengono dalle Montagne Grigie, altri sono nativi di Bretonnia. I nani imperialio hanno raramente affari nel paese. I nani bretoniani non godono dello status speciale che viene concesso loro nell'Impero. Del resto questa condizione particolare è connessa ai legami di amicizia che esistono tra i nani e il culto di Sigmar.Di conseguenza i nani sono piuttosto rari nelle città bretoniane. Quelli che ci sono solitamente non hanno un quartiere proprio, con l'eccezione del Vue du Rocher di Parravon. Alcuni insediamenti di nani minatori e cercatori d'oro possono essere trovati in tutta la Bretonnia. Una piccola popolazione nanica può ad esempio essere trovata nel Grung Gand, un insediamento minerario fortificato che si adagia sui monti tra Chimay e Montluc nel Massiccio dell'Orcal.
I nani bretoniani sono da tempo diventati diffidenti nei confronti dei bretoniani e dei loro modi decadenti.  Per tenersi fuori dai guai solitamente evitano di intromettersi negli affari degli uomini, ovviamente chiudono un occhio sui mali del paese. I bretoniani sono sempre un po' sospettosi nei riguardi dei nani, ma apparte questo vanno abbastanza d'accordo con loro. Le abilità dei nani nella costruzione, nell'attività mineraria, nella metallurgia o la loro natura marziale sono altamente tenute in considerazione, ma a causa dell'odierna situazione che c'è nel Regno, i nani preferiscono chiaramente pagamenti in oro e se possibile in anticipo! Questo talvolta fa infuriare i nobili bretoniani, ma se in una zona i loro servigi non fossero tenuti in alta considerazione, i pragmatici nani bretoniani semplicemente andrebbero da qualche altra parte.
Gli sventratori sono una vista rara a Bretonnia. Anche se danno ancora peso all'onore, pochi nani bretoniani lo tengono in così alta considerazione da prendere i terribili voti da sventratore. Peraltro in Bretonnia ci sono ben pochi pericoli ritenuti degni da uno sventratore, il che significa che chiunque abbia giurato da sventratore solitamente lascerà il paese.
I rapporti tra nani ed elfi sono tesi come in ogni altra parte del Vecchio Mondo (che significa che sono davvero molto tesi). Il passato non può essere cancellato, i suoi ricordi sono sempre presenti: le grandi battaglie della guerra tra elfi e nani fu combattuta sulle terre dove oggi sorge Bretonnia. Questo inflisse perdite amare da parte nanica, perdite che non sono mai state compensate dalla caduta dell'Impero Nanico che seguì subito dopo...

Mezzuomini a Bretonnia
Storia dei mezzuomini a Bretonnia

Primavera del 1848
- Il maltempo degli ultimi dieci anni rovina più volte le colture nell'Impero orientale. Il Convivio soffre la fame.
- L'elezione dell'Anziano del Convivio è controversa. La famiglia Basson che non riesce a essere eletta, decide di lasciare il Convivio.
- Pat Luckapple, un avventuriero mezzuomo che aveva servito parecchi anni nelle schiere del Visconte de Quenelles, si offre di guidarli verso Bretonnia, una terra dove il tempo, sostiene, è sempre mite.
Autunno del 1848
- Alcune famiglie di mezzuomi guidate la Luckapple attraversano le Montagne Grigie al passo Morso d'Ascia. Si stabiliscono nella città bretoniana di Quenelles.
Inverno del 1848
- I mezzuomini ricevono un caloroso benvenuto dai bretoniani, che hanno sofferto un calo di popolazione a causa di una pestilenza. I bretoniani apprezzano molto anche le loro torte.
-La comunità mezzuoma pare prosperare. Il Visconte de Quenelles impiega alcuni cuochi mezzuomini nelle sue cucine.
2220
- Il Re di Bretonnia e i suoi cavalieri visitano Quenelles. Il sovrano resta molto impressionato dalle torte che gli vengono servite. Molti mezzuomini seguono il re a Guisoreux.
2270
- Louison le halfelingue diventa il Mastro Chef della Corte Reale.Tuttavia, ciò non dura molto. I cuochi bretoniani tramanocon successo per la sua rovina con l'aiuto di alcuni religiosi bigotti presenti a corte...  In tutto il paese la cucina dei mezzuomini viene considerata roba da bifolchi. Alcuni cuochi mezzuomini vengono licenziati., ma non la maggiorparte, poiché in cucina restano utili. Alcuni cuochi mezzuomini restano nelle tenute dei nobili. Ogni volta che in un banchetto aristocratico viene scoperto che il cuoco è un mezzuomo, si scatenano molte derisioni. Tuttavia a Quenelles un cuoco mezzuomo riesce a mantenere un certo prestigio, Emilien Basson Folboeuf, che adotta completamente la cucina bretoniana. Egli fu anche il primo mezzuomo a condannare apertamente Louison, rompendo così la regola non scritta di solidarietà tra mezzuomini.

I mezzuomini nella Bretonnia odierna
In numero esiguo, ma abbastanza ricchi (soprattutto se paragonati ai miserabili contadini bretoniani). La comunità più grande, che si trova Quenelles, è dominata dalla famiglia Basson. Molto vicini a Quenelles ci sono anche alcuni insediamenti di contadini mezzuomini. Il Visconte di Quenelles per tradizione richiama reclute tra di loro per costituire la sua famosa unità di forestali mezzuomini. È necessario dire che vige una determinata divisione tra i mezzuomini bretoniani. Molti ne hanno abbastanza dell'atteggiamento dei Bassons (Il ramo Basson-Folbouf annovera tra i più ricchi mezzuomini di Bretonnia, che sono estremamente snob e si considerano una sorta di aristocrazia mezzuoma. A onor del vero i cuochi Basson-Folboeuf sono impiegati da una serie di importanti famiglie nobili di Bourgon e Lyonnais), in particolare l'avventura clan dei Perry. Quest'ultimo ha lasciato Quenelles circa cent'anni or sono per seguire la pericolosa strada del Massiccio dell'Orcal verso Bordeleaux. Nonostante gli attacchi subiti da orchi e da banditi, riuscirono a raggiungere la loro destinazione. Alcuni di loro si sono impegnati nel commerccio del vino in loco, mentre è giunta notizia che altri hanno preso parte in viaggi commerciali e di esplorazione all'estero.
Anche dopo la rovina di Louison, pochi mezzuomini bretoniani sono tornati nel Convivio, forse perché lì gli erano rimasti ben pochi parenti. Comunque i propri simili provenienti dall'Impero vengono sempre accolti a braccia aperte da tutti i mezzuomini di Bretonnia (eccetto forse che dai Basson-Folbouet?)

Nessun commento:

Posta un commento

Archivio blog

Seguimi tramite email!

Visualizzazioni totali

Visite per paese

Feedjit, live traffic feed.

Lettori

Elenco dei blog che apprezzo

Segui "Varco Dimensionale" su Facebook.

Cerca nel blog