giovedì 4 agosto 2011

Viroclèa e Solarni

Sto mettendo per iscritto delle idee che mi circolano in testa da un po' di tempo, si tratta di una potenza marittima di Portal. L'ispirazione mi è venuta ragionando sulla Venezia medievale, spero vi piaccia.

La Repubblica Viroclèa è chiamata orgogliosamente "La Scintillante" dai propri cittadini, Viroclèa ha il suo nucleo su l'isola omonima ma si espande in un piccolo quanto potente impero marittimo. A sei chilometri e mezzo dalla costa ovest dell'isola si estende la Terraferma, zona rurale culturalmente ed etnicamente viroclèa ma politicamente subalterna. A est si estendono invece le vere e proprie colonie, inglobate nella Repubblica, ma abitate solo da una minoranza di mercanti, soldati e amministratori viroclèi. Esse sono: Solarni e le isole Dorikòs.La religione ufficiale e maggioritaria è il Boghismo Puro.Viroclèa è da sempre una città libera, non ha mai sperimentato la tirannia o la monarchia, che anzi disprezza fortemente. La repubblica è guidata da un Doge, carica elettiva a vita, dagli ampi poteri ma fortemente limitato dal Consiglio dei Saggi, una camera composta da trentacinque esponenti di spicco della Repubblica che possono proporre e votare leggi e ordinamenti. Di legge devono avere almeno trentacinque anni, almeno tre di loro devono essere nati sulla Terraferma, due a Dorikòs e due a Solarni. Secondo una nuova legge almeno uno di loro deve discendere da schiavi neri. Infine solo due terzi dei Saggi possono essere membri di una famiglia di mercanti o esercitare loro stessi questa professione. Il simbolo di Viroclèa è il toro, di provenienza sconosciuta, è considerato però il simbolo più sacro, rappresenta lo Stato e il suo popolo, il Doge stesso porta un copricapo che ricorda la testa di un toro. Questo animale viene spesso scolpito (sia intero, sia solo il volto frontale) sui vari edifici pubblici e religiosi sia in patria che nelle colonie. Viene battuto sul dritto delle monete (sul rovescio c'è invece il ritratto del Doge). Viene sfoggiato anche su monili, anelli e medaglioni sia a scopo ufficiale (le cariche della Repubblica possiedono anelli e medaglioni in oro che li fanno riconoscere) sia a scopo estetico fra le signore, che per orgoglio e riconoscimento fra i mercanti in terre lontane, che a scopo apotropaico, in particolare dai marinai e dai soldati.Viroclèa è conosciuta per i suoi abili navigatori e per i suoi avventurosi mercanti. Esistono fondachi e quartieri viroclèi in molte parti del mondo conosciuto, gli affari più prestigiosi sono nelle loro mani, senza contare che molti di loro sono prestatori di denaro, per questo si tratta di uno Stato ricco e tecnologicamente all'avanguardia. Nelle isole più piccole intorno alla città ci sono le botteghe dei maestri vetrai, esse sono poste in luoghi circoscritti dal mare per poter domare facilmente gli eventuali, ma comuni, incendi. Gli oggetti in vetro viroclèo sono esportati in tutto il mondo conosciuto e sono universalmente simbolo d'elite per i più raffinati intenditori che possono permetterseli. Un altro vanto dell'industria viroclèa è la cantieristica navale. Le loro navi sono le migliori al mondo per qualità, velocità e resistenza, la flotta da guerra viroclèa vigila costantemente le acque del piccolo impero marittimo, scorta le navi mercantili e, di tanto in tanto, compie azioni corsare. I marinai viroclèi sono famosi per il duro addestramento che ricevono e per la loro astuzia.Nel centro della città, non molto lontano dal palazzo del Doge (Il Palazzo Rosso), ci sono le università e i collegi. Qui si insegnano molte discipline per educare i rampolli della nobiltà o dei mercanti più ricchi. Tra le altre si insegna una disciplina segreta, al quale insegnamento solo pochi eletti possono accedere, la "Creazione della Vita", una disciplina arcana che permette di creare costrutti formati da materiale inerte, ma capaci di eseguire gli ordini dei propri padroni. In ogni caso si insegnano anche discipline più comuni come architettura, ingegneria navale, lettere e i meno prestigiosi studi diplomatico-linguistici per preparare i funzionari destinati alle colonie.Nella zona portuale ha sede anche il quartier generale delle "Compagnia del Mare", un'organizzazione fondata per occuparsi degli interessi dei cittadini della Repubblica all'estero. La Compagnia è composta da esperti di vario genere (avvocati, contabili, notai, etc.) e da militari di professione che, anche con la forza e le minacce, aiutano in modo disinteressato i propri concittadini. Sono comuni tafferugli fra i membri della Compagnia, che spadroneggiano, e gli eserciti stranieri dei paesi che si sentono in qualche modo aggrediti. Ma il commercio viroclèo è troppo importante per proibire la circolazione della Compagnia, solo raramente si hanno incidenti diplomatici risolti con la guerra o l'embargo.Per centinaia di anni l'economia agricola viroclèa della Terraferma si è basata sulla manodopera schiavile. I mercanti erano grandi importatori di schiavi neri, che compravano all'estero, ad esempio a Misru, o catturavano personalmente nelle terre del Sud. Ci sono state tre grandi rivolte degli schiavi (1100-1102, 1409 e 1412), questi tre eventi conosciuti come "Guerre Servili" hanno infine comportato l'abolizione della schiavitù, nello stesso anno dell'ultima rivolta, a opera del Doge Felice Furlanetto "Il Magnanimo", che governò dal 1402 al 1420. Malgrado l'abolizione e l'inserimento degli ex-schiavi nella vita civile e politica, molti di essi compiono ancora i massacranti lavori precedenti per poter sopravvivere, anche se formalmente ora sono uomini liberi la maggior parte di loro non possiede niente oltre alla propria forza lavoro. Molti di loro sono entrati nell'esercito, oppure vivono di espedienti, o sono diventati banditi, o ancora si sono dati alla pirateria e alla professione mercenaria. Fra i viroclèi bianchi c'è un forte pregiudizio nei confronti dei neri, pochissimi di loro hanno fatto fortuna, ma l'esercito è stato e continua ad essere una grande opportunità di ascesa sociale. Ad oggi i neri che hanno fatto parte del Consiglio dei Saggi sono stati quasi tutti militari.

Variante dello stemma di Viroclèa ad utilizzo di stendardi e drappi. (Questa versione stilizzata e bicroma è più facile da cucire).



Solarni è una vasta striscia di terra costiera che si estende sul versante marittimo dei monti Lubanje. Riparata per questo dai venti freddi è un luogo caldo e fertile, con numerosi fiumi e un terreno prevalentemente calcareo. Vi si producono ottimi vini e oli, ma anche tabacco, agrumi e frutti di molti altri tipi. Sulla costa si ricava facilmente il sale, indispensabile per i mercanti viroclèi. L'acqua della sua costa è molto più limpida e calda rispetto a quella della costa viroclèa, per questo durante la stagione estiva le famiglie più ricche si ritirano nelle proprie tenute solarniane, dove possiedono castelli, frutteti, coltivazioni e tenute di caccia. L'organizzazione più comune è il latifondo di proprietà viroclèa che utilizza bracciantato locale. Malgrado questo esistono anche mezzadri con piccole proprietà, specie attorno alle principali città. La religione maggioritaria è il Boghismo impuro (o più correttamente "Boghismo Antico"). La zona montana della colonia è la più riottosa e di alcune zone se n'è perso completamente il controllo. I solarniani sono un popolo fiero e permaloso, accettano la dominazione viroclèa fintanto che non urti legislazioni, consuetudini e tradizioni locali. La leva obbligatoria in Solarnia ha sempre generato rivolte su larga scala, per questo ne è esclusa, ma offre comunque temibili squadroni mercenari chiamati Stradiotti, che di solito ma non sempre, sono membri di una minoranza etnica solarniana, i Vitezovi.La popolazione viroclèa a Solarnia è composta da mercanti con le proprie famiglie, soldati di guarnigione nei vari fortini che punteggiano il territorio, lavoratori specializzati (specie nella cantieristica navale e nell'artigianato), diplomatici e studiosi. Il governatore viroclèo di Solarni è chiamato Bailo, scelto dal Doge con carica rinnovabile ogni dieci anni. I governatori locali sono solarniani e a loro spetta di far applicare la legge e di risolvere le dispute locali. Sull'isola di Viroclèa esiste l'università di studi solarnici per preparare governatori, diplomatici, funzionari e figli di mercanti che tradizionalmente trattano con questo paese. Solarni è passata in mano viroclèa nel 1215. Precedentemente faceva parte dell'Impero di Fragma, ma si ribellò alla leva obbligatoria e alla tassazione eccessiva, dopo alcuni rovesci militari la maggior parte dei signori locali si unì nella Lega Solarnica (Legura Solarni) chiedendo protezione alla Repubblica di Viroclèa, trovando la garanzia per almeno una parziale indipendenza e un potente alleato militare. I pochi signori che rimasero indipendenti furono sconfitti in una breve, ma sanguinosa, guerra civile (1215-1216) dalle armate congiunte di Viroclèa e della neo-colonia. Questa guerra toccò in particolare le zone montane del nord-est, dove tutt'oggi è bruciante il ricordo delle stragi compiute dai viroclèi.

4 commenti:

  1. Che sballo: ora so cose nuove!!!

    Grazie mille per il commento... :-D

    CIAO!!!

    RispondiElimina
  2. Grazie di essere psssato Davide ;). Mi fa sempre piacere.
    Ciao!

    RispondiElimina
  3. Quindi stai difatto creando un'ambientazione basata su Portal... Mi sembra una buona idea, potresti espanderla e creare un sandbox molto interessante.

    RispondiElimina
  4. Ho intenzione di creare una specie di sandbox. Il concetto stesso dei portali lo vuole agevolare. Descriverò popoli e Stati ma tanti saranno i luoghi inesplorati e niente vieterà di aggiungere popoli, razze, mostri, magie e oggetti provenienti da altre dimensioni in qualsiasi luogo e momento.
    Per ora sto mettendo insieme idee che ho in testa da anni, mi sembrano buone e voglio scendere in alcuni dettagli di solito bistrattati dalle ambientazioni per gdr. Vorrei creare una religiosità più credibile e complessa, usi e costumi peculiari e d'impatto. Anche se con Viroclèa l'ho fatto solo parzialmente (per staccare un po') il concetto di base è "rimescolare le carte", distruggere le mappe mentali. Prendo di base le culture umane, le modifico e le fondo con altre, quindi le applico ai vari popoli. Mi spiego: in Portal un popolo di razziatori nordici simili ai vichinghi razzia le coste e le valli di un luogo abitato da genti il cui rimando ideale sono i tibetani. Crea un senso di fuori posto, di fantastico, questo mi piace. Ho intenzione poi di prendere umanoidi tipicamente selvaggi e civilizzarli con culture complesse: i minotauri sono teocratici e hanno una raffinata teologia manichea dualista. I No Batto sono anchilosauri umanoidi con una cultura che rimanda al Giappone feudale, i criminali vengono esiliati e gli viene tagliata la coda. Per i pusa (uomini gatto) ho mischiato aspetti culturali presi da popoli dell'India a quelli ebraici ad altri completamente inventati. Mi piace, e spero che piaccia anche a te, uscire dal luogo comune :)
    Ciao.

    RispondiElimina

Archivio blog

Seguimi tramite email!

Visualizzazioni totali

Visite per paese

Feedjit, live traffic feed.

Lettori

Elenco dei blog che apprezzo

Segui "Varco Dimensionale" su Facebook.

Cerca nel blog