martedì 4 novembre 2014

Ruolimpiadi 2014 a Lucca Comics & Games


Il 2014 è stato un anno importante. Per la prima volta ho partecipato come giudice alle Ruolimpiadi, evento che da ormai vent'anni rappresenta un punto di riferimento per giocatori di ruolo da tutte le parti d'Italia. Ringrazio lo staff che mi ha accolto, un gruppo eterogeneo davvero d'eccezione per qualità e personalità con cui sono fiero di aver condiviso quattro giorni di lavoro e che spero di non aver deluso, malgrado tutte le mie mancanze e imprecisioni tipiche di chi deve ancora ambientarsi. Ho avuto l'eccezionale fortuna di partecipare a un'edizione da record per grandezza e qualità, segno che ci troviamo all'interno di una dinamica espansiva dell'evento.

La storia delle Ruolimpiadi è lunga e ha visto passare numerose squadre e organizzatori, regole e sistemi, ma non ha mai tradito la vocazione principale, che non è l'agonismo, ma il gusto di trovarsi insieme e divertirsi, esattamente quello che un gioco di ruolo dovrebbe essere! Non solo per questo dico che  le Ruolimpiadi sono un evento costruttivo. L'idea di doversi confrontare con persone che hanno altri modi, altre mentalità e altri approcci al gioco accresce come individui e come giocatori, sia che si vestano i panni di master, personaggio giocante o giudice.

Le Ruolimpiadi hanno fatto critico! Davide Scano, l'organizzatore dell'evento tiene in mano uno dei premi, il numero 20 segnala anche l'eccezionale numero di squadre che ha partecipato durante l'edizione del 2014.
Non è un caso che questo torneo si ispiri ai Giochi Senza Frontiere, una manifestazione che forse i più giovani non ricorderanno, animata da sentimenti di unità, fratellanza e sano divertimento in armonia. L'importanza dell'esperienza collettiva ben si dipana nel sistema incrociato di valutazione tra giocatori e giudici che possono così fornire i dati che serviranno a stilare una classifica rigorosa che tiene conto di numerose variabili. Ogni squadra è tenuta a portare un evento inedito, che sarà giocato dai membri di altre quattro squadre, che si divideranno gli eventi con un sistema ad asta.

Malgrado tutte le difficoltà materiali, non è infatti facile ritagliarsi uno spazio degno di questo nome in quella che è una delle maggiori kermesse d'Europa, non ho mai visto un evento del genere nel settario mondo del gioco di ruolo, dove sovente gruppi ristretti si riuniscono in modo esclusivo. Le Ruolimpiadi sono davvero l'incarnazione della passione più pura, qui ho visto giocatore fianco a fianco neofiti e veterani senza che nessuno mancasse di divertirsi, senza che nessuno non avesse da imparare dall'altro. Non soltanto diffondono una concezione sana di gioco di ruolo (assolutamente necessaria di questi tempi) ma lo fanno in un ambiente di rilassatezza che è tipica di un vecchio gruppo di amici, per quanto sia possibile farlo in mezzo alla folla del padiglione Games e chi c'è stato sa di cosa parlo. Pur essendo amici che sovente si incontrano una volta l'anno è struggente notare i legami che si formano con grande felicità in un clima di positiva esaltazione del tutto spontaneo, raro da trovare altrove.
Uno dei momenti del mio incontro con Frank Mentzer
Non è un caso che quest'anno il padrino dell'evento sia stato Frank Mentzer, il creatore di D&D BECMI, la prima edizione tradotta in italiano, con la quale moltissimi hanno iniziato a giocare di ruolo. Incontrare Frank è stato qualcosa di magico, non soltanto è una persona gentilissima e piacevole, ma ci ha dato una missione: durante l'anno che verrà dovremo far giocare una persona che non conosce il mondo dei giochi. Questo mi è rimasto nel cuore, e credo che le Ruolimpiadi siano un tassello significativo per la diffusione del gioco più bello del mondo, quello che coglie la scintilla divina della Creazione che è dentro ognuno di noi e la proietta nell'infinito. È straordinario di quanto il gioco di ruolo possa unire persone diverse, provenienti da luoghi diversi e con scale di valori e mentalità diverse semplicemente nel nome del divertimento, per il gusto di lanciare dadi e di narrare insieme una storia. Alcuni di noi hanno legato ai giochi di ruolo ricordi di infanzia, altri li hanno scoperti dopo, a tutti noi hanno sicuramente cambiato la vita in meglio e credo che le Ruolimpiadi servano anche a rimarcare questa verità nel modo più divertente e sincero possibile.

Con l'augurio di rivederci l'anno prossimo, vi saluto con affetto.


Moreno

4 commenti:

  1. Moreno, complimenti per l'articolo: hai riassunto in maniera eccezionale lo spirito con cui noi passiamo questi quattro giorni. D'ora in poi, quando qualcuno mi chiedera' cosa sono le Ruolimpiadi gli faro' leggere questo scritto.
    Un abbraccio grande a te e a tutti quelli che si sono divertiti con noi.

    dottwatson

    RispondiElimina
  2. Grazie a te Daniele, sei troppo buono :)
    Complimenti ancora ai Guardiani del Warp!

    RispondiElimina
  3. Bellissimo articolo, mi ha fatto piacere che tu abbia voluto mettere l'accento sulle amicizie che si instaurano all'interno della competizione; le quali sono il motivo principe che mi spinge, di anno in anno, alla partecipazione alle Ruolimpiadi.
    Gareggiare è divertente, ma ritrovare vecchi amici e passare quattro giorni a divertirsi, giocando tutti insieme, è davvero impagabile!

    RispondiElimina

Archivio blog

Seguimi tramite email!

Visualizzazioni totali

Visite per paese

Feedjit, live traffic feed.

Lettori

Elenco dei blog che apprezzo

Segui "Varco Dimensionale" su Facebook.

Cerca nel blog